2018-ProgCest-incontra-Roberta-Regis.jpgSi è svolto Venerdì 11 Ottobre tra le mura della palestra Oberdan Marchegiani l’incontro con Roberta Regis, componente del settore giovanile minibasket e dello staff tecnico nazionale, docente formatore minibasket e Comitato Nazionale Allenatori (CNA), e docente di metolodogia dell’insegnamento CONI. L'intensa giornata formativa è stata rivolta agli istruttori ed agli allenatori della Progetto Cestistica ma non solo. I ragazzi, dai più piccoli ai più grandi, hanno partecipato con passione e diligenza alle sessioni di allenamento e la parte conclusiva dedicata ai genitori ha lasciato molti spunti di riflessione.

“L’impostazione di una sessione di allenamento di minibasket è importantissima, per far sì che il bambino sia in campo a 360 gradi e che si senta coinvolto sempre e comunque per tutta la durata della seduta”. Queste le parole della Regis rivolte agli istruttori, che durante la serata ha rimarcato più volte anche l’importanza e la vicinanza dei genitori nella vita sportiva dei propri figli.

Dopo la già esaustiva conferenza, noi dello staff abbiamo approfittato ulteriormente della disponibilità della nostra ospite per farci rilasciare una piccola intervista.

- Innanzitutto benvenuta Roberta! Com’è stata l’esperienza con il Progetto Cestistica?

"È andata come speravo andasse: mi sono sentita davvero a casa e mi sono divertita tantissimo grazie alla presenza di un gruppo di bambini fantastici. Ho incontrato molto volentieri anche il gruppo genitori e lo staff tecnico".

- Quanto è importante l’esperienza del minibasket nella formazione sportiva, ma soprattutto educativa di un possibile futuro atleta?

"L’esperienza del minibasket, così come qualsiasi altra attività sportiva che si rispetti, per un bambino è molto importante, sotto qualsiasi aspetto. In particolare, noi allenatori cerchiamo di insistere tanto su quelli che sono gli aspetti cognitivi che possono essere portati in campo rispetto al nostro gioco. Il nostro, è appunto, uno sport che fa sì che il bambino stesso, autonomo e libero, possa mettere in atto strategie che li possa aiutare ad essere sempre pronti e attenti nell’attività".

- E per quanto riguarda lo studio? Dicono che lo sport sia alleato di un buon rendimento scolastico? Lo puoi affermare?

"Assolutamente sì. Lo sport svolto a trecentosessanta gradi , lavora tantissimo sull’aspetto cognitivo e mnemonico del bambino, recando chiaramente benefici anche sotto il profilo scolastico".

- E dall’amore per lo sport è nato anche un libro: ha anche la passione per la lettura?

"Beh, non ci facciamo mancare neanche quello! A proposito di rendimento scolastico, in realtà il mio amore per la lettura è nato da molto tempo prima; probabilmente da quando ero piccola come loro (facendo riferimento ai bambini). Sono sempre stata una bambina attenta e curiosa e quindi crescendo non potevo non creare un “filo” di collegamento tra queste due mie passioni".

- Grazie per la tua disponibilità, Roberta! Un grosso in bocca al lupo per i prossimi incontri!

"Grazie a voi, è stato davvero un piacere poter condividere questa giornata insieme. Spero di rivedervi quanto prima!".

Dopo l’esperienza con la Progetto Cestistica, la Regis farà tappa a Cerignola e successivamente a Corato, per replicare l’incontro di formazione con i relativi staff tecnici e gruppo genitori.

 

acapt 300x100enoagrimmgiarnieri 300x100casalemarmi 300x100

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, cliccando qualsiasi link all'interno del sito o semplicemente scrollando la pagina accetti il servizio e l'utilizzo dei cookie.

Area Riservata