Una questione di cuore. Non si può definire diversamente il binomio tra Allianz Pazienza Cestistica Città di San Severo e la famiglia Romagnuolo, Renato, Sergio ed Italiana Ascensori e Servizi. La società, negli anni, ha sostenuto diverse realtà sportive sanseveresi dalla pallavolo al tennis tavolo, fino ad approdare alla “nuova” Cestistica con il Presidente Amerigo Ciavarella. Una collaborazione umana nata quasi per caso, per una grande stima e comunione di intenti, ma soprattutto per i valori che la società sanseverese rappresenta nell’ambiente della nostra città.

Fratelli Romagnuolo e la pallacanestro. Un amore senza tempo…

"Il basket fa parte della nostra storia ed è da sempre uno sport significativo. Un vero e proprio amore storico, visto il passato, ad oggi ancora molto vivo. La società sportiva del presidente Ciavarella è per Italiana Ascensori e Servizi e tutta la famiglia Romagnuolo un vero orgoglio, esattamente ciò che rappresenta per tutta la comunità cittadina e per la nostra intera provincia. Una realtà che rende gli sponsor onorati di far parte di questo grande progetto, di cui sono diventati parte attiva e, insieme, una grande famiglia. Nonostante il nostro territorio sia spesso oggetto di cronaca infausta, la nostra famiglia crede – e crederà - fortemente nel potere della cooperazione e sono certo che si riceva sempre qualcosa di buono, quando si dà. Al di là della nostra società, che sicuramente ha ricevuto grande impatto al livello di immagine, credo sia importante soprattutto l’esperienza dello scambio umano ed affettivo che ci siamo dati con questa preziosa realtà sportiva".

Si è parlato di valori e comunioni di intenti. Quali valori ha l’Italiana Ascensori e Servizi? E quali ne ha riscontrati nella dirigenza giallonera?

"Avere una società, al giorno d’oggi e nel nostro territorio, non è affatto semplice. Servono, tra i tanti, due elementi fondamentali: la lungimiranza e l’umiltà. La prima è la visione giusta che ti apre alle novità del mondo, che ti fa essere al passo con i tempi senza stravolgere l’essenza storica di Italiana Ascensori e Servizi. L’umiltà, invece, serve in ogni contesto anche e soprattutto quando raggiunti livelli importanti e soddisfacenti. Se ci fate caso, questa che abbiamo appena raccontato è anche la storia della nuova dirigenza giallonera. Amerigo ha avuto il coraggio di assumersi le responsabilità di un progetto quasi morto e di rivitalizzarlo in poco tempo. Ed infatti, traguardo dopo traguardo, siamo passati dalla Serie C alla Seria A, senza mai sentirsi arrivati anzi mantenendo sempre un ‘low profile’, un profilo basso. Se non è comunione di intenti…"

La pandemia, è innegabile, ha stravolto il mondo. È riuscita anche a compromettere la vostra partnership con la Cestistica?

"Assolutamente no! Nonostante il periodo decisamente poco favorevole, a causa del Covid-19, Italiana Ascensori e Servizi ha deciso di non interrompere il sodalizio con la società sportiva sanseverese: è proprio nel momento del bisogno che entrano in gioco tutte le forze necessarie possibili, affinché questo grande progetto possa continuare a far sognare migliaia di tifosi. È vero, le difficoltà economiche ci sono in tutte le società sportive, il duro colpo subito è evidente, ma dobbiamo stringere i denti. Ci auguriamo che questa collaborazione possa durare nel tempo, perché la Cestistica si vive, si ama e deve essere la nostra bandiera. Per noi è sempre un’emozione vedere i nostri colori riempire i Palasport di tutta Italia e far parte di tutto questo. L’affetto che ci diamo vicendevolmente non è mai scontato".

L’obiettivo stagione e l’augurio finale dei Romagnuolo?

"Dal punto di vista sportivo, come ampiamente ribadito dalla Società, il nostro principale obiettivo resta la salvezza. Una buona permanenza in Categoria attraverso il gioco corale che abbiamo potuto apprezzare per esempio all’esordio contro Pistoia. Abbiamo un roster, da un punto di vista umano, eccezionale che, sotto l’ala del nostro mitico coach Lino Lardo, farà il possibile per rendere al 100% in campo. Sappiamo che il basket non è fatto solo di tattiche e di canestri, ma anche di mille emozioni che, noi che seguiamo e amiamo la Cestistica, conosciamo bene. Ci auguriamo di poter rivedere presto gli spalti del Pala “Falcone e Borsellino” gremiti di tifosi, il nostro sesto uomo, ma soprattutto che tutti facciano la loro parte, fuori e dentro il campo. Torneremo presto, tutti insieme, ad urlare FORZA NERI!”.

Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, cliccando qualsiasi link all'interno del sito o semplicemente scrollando la pagina accetti il servizio e l'utilizzo dei cookie.

Accedi al tuo account