I saggi dicono che “chi ben comincia è a metà dell’opera”. Sicuramente, il percorso che porta alla salvezza per l’Allianz Pazienza Cestistica San Severo è ancora molto lungo e le imprevedibilità possono essere molteplici, ma la vittoria appena raggiunta al “Falcone e Borsellino” contro la Stella Azzurra Roma può far ben sperare. Finisce 72 – 67 la prima sfida dei playout tra la penultima del girone Blu dell’orologio e l’ultima del girone Nero. Una gara, come prevedibile alla vigilia, super equilibrata che ha visto la precisione ed il talento di Clarke, Contento, Ogide, Angelucci coraggiosi nel prendersi tiri importanti per il buon esisto del match e dall’altra parte l’atletismo straripante dei ragazzini di coach D’Arcangeli che, telecomandati in campo dal preziosissimo Thompson, hanno creato dal terzo quarto in poi non poche difficoltà ai padroni di casa lucidi in un finale al cardiopalma. Vincere il primo round è fondamentale per il morale della squadra tuttavia questa sera i due punti hanno un sapore diverso. Per la prima volta, infatti, la Cestistica ha giocato davanti ai suoi tifosi. La presenza di una piccola rappresentanza di supporters non solo rallegra perché lascia presagire un ritorno alla normalità, ma resta quell’elemento unico e speciale che rende l’atmosfera del “Falcone e Borsellino” magica. Un amore inspiegabile che solo la tifoseria giallonera sa regalare. Il riassunto:

I protagonisti in campo: Bottioni, Clarke, Ikangi, Ogide e Maganza contro Giordano, Menalo, Thompson, Nikolic e Marcius. Dopo i primi 5’ di impasse generale con Stella a firmare i primi punti del match, le triple di Ikangi, Clarke (più il canestro aggiuntivo) e Contento ristabiliscono le gerarchie e l’Allianz continua a comandare nonostante la ‘bomba’ del pericolosissimo numero 1 azzurrino. La gara si sblocca soltanto al nono minuto quando è una vera e propria bagarre da tre punti; parte l’Allianz con Ogide e Angelucci e risponde Roma con le due volte consecutive di Thompson. 18 – 15 il primo parziale. L’apertura della seconda decina non è all’altezza della Cestistica. Ancora una volta, infatti, l’americano Thompson di coach D’Arcangeli continua a dar spettacolo ed insacca altre due triple che causano la sospensione di Luca Bechi. Le parole del coach si rivelano fondamentali ed i neri non solo accorciano immediatamente ma tornano anche in leggero vantaggio grazie alle realizzazioni di Marco Contento e Chris Mortellaro ed il timeout, adesso, viene chiesto dai laziali. La ‘cornice’ è spettacolare: il pubblico a sostenere l’Allianz Pazienza ed i neri – non è un eufemismo – a lottare su ogni pallone per cercare di allungare il più possibile sugli avversari che, però, non mollano. Ciò che si denota sulla sponda sanseverese è che c’è coralità: Bottioni inventa assist preziosi, Contento e Clarke dalla distanza sono micidiali, Ogide, Mortellaro e Maganza fanno valere i centimetri sotto canestro ed Antelli e Angelucci portano velocità ed agonismo. Sono le caratteristiche dei singoli che, messe al servizio della squadra, portano alla vittoria: 37 – 28 il secondo parziale. Al ritorno sul parquet, entrambe le squadre non palesano grande spettacolo. Gli uomini di Bechi non riescono a penetrare la difesa romana e ne trae beneficio solo Stella che recupera punti preziosi. In questi momenti quando il canestro sembra essere stregato serve la giusta lucidità e non farsi prendere dall’eccessiva frenesia altrimenti, basta guardare il tabellone, la freschezza degli ospiti e, forse anche la spensieratezza, potrebbe prendere il sopravvento. Per San Severo 5 punti fatti e 19 subiti. Così non va. 42 – 47 il terzo parziale.

La rimonta è servita: Ogide e Clarke da tre, falli fatti da Roma, Angelucci chirurgico dalla lunetta e nuovamente l’inerzia è dalla parte giusta: quella sanseverese. Thompson interrompe la scia positiva di San Severo e riporta i suoi in avanti di una lunghezza. La Cestistica ha difficoltà estrema ad entrare in area avversaria e cercare il tapin semplice, in questo modo Clarke e co sono costretti soltanto ad inventarsi prodezze (vedasi il canestro impossibile di Angelucci concluso col tiro aggiuntivo) dalla lunghissima distanza ma non sempre si è precisi. Chi prova a dare uno scossone ad i suoi compagni è proprio Simone Angelucci, oggi reattivo e preciso nei momenti super decisivi della partita. Stella, però, non demorde e lotta pallone su pallone, punto a punto provando a compromettere fino alla fine il punteggio alla sirena. Punteggio che, con enorme gioia e minuti d’ansia, premia l’Allianz Pazienza Cestistica San Severo. Il finale: 72 – 67

Due punti importantissimi! – è il commento a caldo del socio Paolo Dell’Erba – Oggi, più che del bel gioco, serviva partire con la giusta convinzione per dare la prima sterzata ai playout. Tra due giorni si deve replicare per raggiungere il prima possibile l’obiettivo salvezza. Certo, non sarà facile vista la non ottimale condizione fisica dei nostri giocatori e quella nettamente superiore dei romani, ma crediamo nei ragazzi. Oggi hanno dimostrato carattere e meritamene ci portiamo il successo a casa. La ricetta, anche se coach Bechi sa benissimo cosa fare, è testa bassa, lavoro intenso e non farsi prendere troppo dall’entusiasmo. Abbiamo altre due gare nel quale venderemo cara la pelle”.

Gara2 è alle porte: si gioca, sempre in casa, sabato 12 alle ore 19. 

Credits foto: Antonio Giammetta

Il tabellino

Allianz Pazienza Cestistica San Severo - Stella Azzurra Roma 72-67 (18-15, 19-13, 5-19, 30-20)

Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Rotnei Clarke 23 (1/1, 4/11), Marco Contento 17 (2/3, 2/6), Andy Ogide 10 (2/5, 2/7), Simone Angelucci 8 (2/2, 1/1), Chris Mortellaro 6 (2/2, 0/0), Riccardo Bottioni 3 (1/1, 0/0), Iris Ikangi 3 (0/5, 1/5), Marco Maganza 2 (1/3, 0/0), Michele Antelli 0 (0/0, 0/0), Michele Guida 0 (0/0, 0/0), Goce Petrushevski 0 (0/0, 0/0) - Coach: Luca Bechi

Tiri liberi: 20 / 27 - Rimbalzi: 31 7 + 24 (Chris Mortellaro 8) - Assist: 18 (Marco Contento 5)

Stella Azzurra Roma: Stephen mark Thompson jr 36 (5/9, 6/11), Nicola Giordano 11 (5/6, 0/2), Lazar Nikolic 5 (2/5, 0/4), Leo Menalo 4 (2/3, 0/3), Roberto Rullo 4 (2/3, 0/1), Sandi Marcius 3 (1/2, 0/0), Elhadji Thioune 2 (1/3, 0/0), Fabrizio Pugliatti 2 (1/1, 0/0), Matteo Visintin 0 (0/1, 0/1), Matteo Ghirlanda 0 (0/0, 0/0), Kevin Ndzie 0 (0/0, 0/0), Dut Mabor 0 (0/0, 0/0) - Coach: Germano D'Arcangeli

Tiri liberi: 11 / 14 - Rimbalzi: 34 7 + 27 (Stephen mark Thompson jr 8) - Assist: 8 (Fabrizio Pugliatti 3)

Ciro Mancino
Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo




 


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, cliccando qualsiasi link all'interno del sito o semplicemente scrollando la pagina accetti il servizio e l'utilizzo dei cookie.

Accedi al tuo account