La Givova Scafati conquista la vittoria contro la Cestistica San Severo nel match della 19° giornata di campionato di Serie A2 Old Wild West girone Rosso: 83–69 il punteggio finale. Se l’Allianz avesse giocato per tutta la gara così come ha fatto nella terza frazione forse il punteggio non sarebbe stato così roboante. Al ritorno sul parquet, infatti, i gialloneri hanno dato filo da torcere agli sfidanti proponendo buone trame corali e canestri individuali. In certi momenti, non si è palesata una sostanziale differenza tra la terza forza del campionato e la penultima, ma poi lo strapotere scafatese ha preso il sopravvento. L’avversario di turno, lo si è visto, non ha le stesse ambizioni dei gialloneri. Coach Finelli, nonostante il ko del play Tommaso Marino, può mischiare le carte ottenendo sempre il massimo risultato. Ed infatti, a sopperire ad un’assenza importante per i gialloblù ci ha pensato il solito Thomas autore di 33 punti (nel match contro Chieti ne aveva siglati 35 e da tre settimane la media punti è la medesima…) tralasciando anche i vari Rossato, Sergio, Jackson. Quando di fronte si gioca contro campioni, in fiducia con qualità fisiche e tecniche indiscusse c’è ben poco da fare. Scafati ha dimostrato di essere completa, forte nell’individualità e collettivo, esperta, aggressiva e, con le sconfitte di Forlì e Napoli, aveva necessitarmene il dovere di ‘azzannare’ la partita e portala dalla sua parte. Il risultato, alla fine, è giusto.

Una prima frazione di gioco abbastanza blanda; i gialloblù si affidano soltanto al top player Thomas (a quota 13, per ora...) che finalizza da tutti i lati con una nonchalance da fuoriclasse e conquista falli a ripetizione mentre dall’altra parte una Cestistica non precisissima nelle azioni di attacco, poco grintosa soprattutto sotto le place visti i quasi tutti ribalzati recuperati da Scafati, ma comunque in scia dei padroni di casa. 20 – 12 il primo parziale. Ad inizio secondo quarto, esce il numero 13 scafatese e si spegne la luce per gli uomini di Finelli con i neri che provano a risucchiare qualche punto orchestrando belle azioni. Rientra l’americano e la Givova brilla ancor di più e San Severo è in netta difficoltà. Dalla linea della carità si sbaglia, gli altri tiri sono imperfetti ed in difesa la situazione falli non è idillica: Pavicevic è a quota 3 mentre Bottioni, Jones e Contento a 2. Sul tabellone si legge: 44 – 28. Dagli spogliatoti, l’Allianz è un’altra squadra. Trascinata da Andy Ogide, i neri ritornano sicuramente in partita con verve, precisione, attenzione peccato solo per gli ultimi minuti dove, grazie a Musso, Sergio, Jackson e all’espulsione di Marco Contento, i padroni di casa allungano ancora e smorzavano il buon momento dei dauni. Sicuramente, alla sirena finale, sarà Scafati ad aver la meglio ma i neri non demordono e l’atteggiamento è giusto, forse fin troppo visti i tre tecnici chiamati (due a Contento e uno a capitan Di Donato). Gli ultimi minuti del match non sono particolarmente brillanti visti gli errori da ambo i lati, a vantaggio della formazione guidata da Finelli che conquistano la vittoria per: 83 – 69.

E’ una sconfitta che ovviamente pesa in ottica classifica visti i sorprendenti risultati delle rivali per la salvezza ma le attese sono state rispettate. Non sono queste le avversarie contro le quali la Cestistica ha l’obbligo di portar a casa il bottino pieno anche se nella pallacanestro tutto è possibile e, a fine gara, bisogna sempre aver ‘sudato’ la maglia. Si ritorna a San Severo consci di aver dato il massimo – buona la reazione del terzo quarto, ancora una volta gagliarda prestazione di Andy Ogide a quota 23 punti segnati – ma che non è bastato. Si deve ripartire con serenità che, in un campionato complesso come questo, è principio fondamentale. Mancano ancora dieci partite di cui sei da giocare in casa. Il tempo c’è, i punti in palio idem. Serve ‘solo’ conquistarli il prima possibile per fare innamorare, ancor di più e non solo oggi nella festa di San Valentino i sempre presenti tifosi sanseveresi.

Prossimo step: domenica 21 ore 18 al “Falcone e Borsellino” contro la Tramec Cento.

Credits foto: Gianmarco Ferrara

Il tabellino

Givova Scafati - Allianz Pazienza Cestistica San Severo 83-69 (20-12, 24-16, 23-24, 16-17)

Givova Scafati: Charles Thomas 33 (8/9, 3/4), Riccardo Rossato 15 (1/2, 3/7), Luigi Sergio 12 (3/6, 1/3), Darryl joshua Jackson 8 (0/1, 2/6), Lorenzo Benvenuti 6 (3/6, 0/0), Mattia Palumbo 4 (1/3, 0/1), Bernardo Musso 3 (0/0, 1/5), Nemanja Dincic 2 (0/0, 0/0), Antonino Sabatino 0 (0/1, 0/2), Vincenzo Festinese 0 (0/0, 0/0) - Coach: Alessandro Finelli

Tiri liberi: 21 / 25 - Rimbalzi: 35 8 + 27 (Mattia Palumbo 12) - Assist: 23 (Darryl joshua Jackson, Bernardo Musso 5)

Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Andy Ogide 23 (4/9, 4/7), Andre Jones 15 (5/14, 1/3), Iris Ikangi 9 (0/1, 3/4), Marco Contento 7 (2/2, 1/1), Chris Mortellaro 5 (1/2, 0/0), Michele Antelli 5 (2/6, 0/1), Emidio Di donato 4 (2/2, 0/1), Riccardo Bottioni 1 (0/4, 0/0), Simone Angelucci 0 (0/0, 0/0), Filip Pavicevic 0 (0/0, 0/0), Goce Petrushevski 0 (0/0, 0/0), Edoardo Buffo 0 (0/0, 0/0) - Coach: Lino Lardo

Tiri liberi: 10 / 17 - Rimbalzi: 30 7 + 23 (Andy Ogide 7) - Assist: 8 (Andre Jones, Iris Ikangi 2)

Ciro Mancino
Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, cliccando qualsiasi link all'interno del sito o semplicemente scrollando la pagina accetti il servizio e l'utilizzo dei cookie.

Accedi al tuo account