L'emergenza sanitaria da Coronavirus, i conseguenti lockdown e le restrizioni governative hanno creato un terremoto economico e finanziario in tutto il mondo. La recessione economica mondiale più importante dal dopoguerra. In Italia le previsioni del Pil aggiornate per il 2020 lo attestano al -12%. Fatturati, utili e la sostenibilità delle imprese italiane sono a rischio, mettendo in ginocchio anche il mondo dello sport che si fonda in maniera predominate proprio sul contributo delle aziende, sulle sponsorizzazioni, pubblicità, diritti di immagine ed altro. Ne fa eccezione, ma solo in parte, la Serie A di calcio che vive altresì di diritti televisivi: in estrema sintesi, il singolo cittadino paga un abbonamento e quota di questo paga la A. Mai il Basket italiano ha tremato così tanto. Al momento, al netto ovviamente solo di qualche ufficialità e dei rumors, sono numerose le problematiche che i club stanno affrontando. Ci sono società nella nostra Serie che hanno volontariamente deciso di iscriversi a campionati minori come Agrigento ed Imola, altre che vivono l'abbandono dei patron storici, altre ancora, pur di continuare a rispettare tempi e scadenze che gli Enti predisposti richiedono (tipo il COMTEC) senza far sconti a nessuno, cercano aiuto da società terze. Dunque, che sia Serie A, A2, B o altre categorie non fa differenza: chiunque, nella pallacanestro post Covid-19, deve tener conto delle innumerevoli difficoltà, dei terremoti finanziari e non solo. Tali notizie risuonano ancora più significative se si considera che si sta parlando di roster blasonati del Centro/Nord e quindi con un'economia diversa dalla nostra realtà e che, giusto per citare esempi eclatanti, nella ultima stagione facevano pagare l'ingresso al Palasport 20 € per una singola partita. 'Scattata questa fotografia' che rappresenta la cronaca dell'odierno e senza voler entrare in giudizi di valore o di merito, cerchiamo di trovare insieme delle soluzioni. Ci penseranno le Federazioni o il Governo? Ad oggi, ed esclusivamente per quanto di competenza per la stagione sportiva 2019/2020, alle società non sono stati concessi sconti su diritti sportivi o dilazionamenti; per la prossima stagione sportiva 2020/2021, invece, qualcosa è stato annunciato, ma ne va ancora capito l'impatto. Dal lato Governo, ad ora, non è stato pensato nessun investimento sullo sport, in particolare nel basket. Si parlava di una forte defiscalizzazione, addirittura tecnicamente, tramite credito di imposta per incentivare le imprese a sostenere lo sport, ma anche qui vige un silenzio assordante. L’idea di destinare alle squadre del cuore il 5permille? Anche questo caso risulta fallimentare in quanto i soldi arriverebbero dopo uno o due anni e gli stipendi per gli atleti bisogna pagarli subito. Ipotesi diritti televisivi? Peccato che la pallacanestro non ha i numeri del calcio e si andrebbe ad intaccare le entrate delle società, i provenienti dagli ingressi nel Palasport ed il trasferimento di questi ‘potenziali introiti’ dagli Enti centrali alle società potrebbe essere molto lento.

Allora, cosa facciamo? Come possiamo, insieme rendere la nostra Cestistica sostenibile economicamente nel tempo? Come possiamo, come solo noi sanseveresi sappiamo fare, vincere questa sfida fuori dal parquet di gioco? La strada è una ed una sola. La Cestistica deve poter contare sui tifosi, gli appassionati, gli sportivi, su tutti coloro che sono orgogliosamente figli di San Severo. Ad esempio, presso l’Ottica di Sanno è possibile trovare tutto il merchandising giallonero con innumerevoli sconti, abbiamo già lanciato e lanceremo tante iniziative per dare a tutti la possibilità di dire contribuire e dire “Sì, ci sono anche io. Potete contare su di me”. Dall'inizio della raccolta fondi "Come together" abbiamo ottenuto 2.950 € sul conto corrente per un totale di 16 donazioni e 975 € sulla piattaforma "Produzioni dal basso" grazie a 18 donatori; sono stati raccolti circa 4.000 €. Per questo, vi ringraziamo! La sfida però non è finita! Se tutti noi, tra tifosi, sportivi, appassionati e non solo facessimo la stessa cosa anche solo con 10 € a testa? Se rispondessimo, in 5.000, con un “Contate su di me! Io ci sono!”? Di certo, la risposta di noi, orgogliosamente ‘neri’, risulterebbe fondamentale per vincere ogni difficoltà, rendere la nostra squadra ancora più forte e consegnarla nelle mani sapienti di coach Lino Lardo che saprà certamente come trasformare in grano il nostro raccolto.

RICARICA qui la tua CESTISTICA.

E' semplicissimo, clicca sul link qui sotto e scegli l’importo che preferisci:
http://sostieni.link/25413

oppure effettua un bonifico diretto a:

Cestistica Città di San Severo
IBAN IT 87 Y 05018 04000 000016840597
con la causale "EROGAZIONE LIBERALE"

Invita anche i tuoi amici a farlo, condividendo questo messaggio.

Grazie per il tuo sostegno!

Let's #ComeTogether!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, cliccando qualsiasi link all'interno del sito o semplicemente scrollando la pagina accetti il servizio e l'utilizzo dei cookie.

Accedi al tuo account