Voci dal campionato... 21a puntata

Non si sarebbe potuto desiderare partita più propizia per i NERI. La necessità di imparare a mettere sul parquet cuore sì, ma ancor più imporre il proprio spirito combattivo, ha trovato nella partita col Trani la migliore occasione di tirocinio sull’argomento. Infatti, l’elevato divario di tasso tecnico dei giocatori dell’Allianz, rispetto a quelli di molte delle squadre concorrenti, fa sì che spesso ci si senta portati a dimenticare che in campionati come questo saper lottare con ardore e saper sopportare sfide fisiche diventa caratteristica non secondaria per aspirare al successo. I NERI hanno lottato, subìto, ma anche controproposto istigazioni e provocazioni. In altre parole hanno mostrato di sapersi anche trasformare in decisi combattenti.

Dal punto di vista squisitamente tecnico sono state apprezzate, oltre la già collaudata e rassicurante organizzazione difensiva, in particolare: un canestro in contropiede, finalmente –  più frequenti servizi al pivot, capaci di esaltare le qualità di un Filippini spesso iniquamente criticato – un paio  di deliziosi backdoor da antologia del basket.

Qualche parola và spesa per il pubblico. Il mio incitamento ai tifosi, prima dell’inizio della rituale premiazione nell’intervallo, a sostenere con maggior ardore la squadra, ha dato i suoi frutti, atteso che nel 2° tempo, oltre gli instancabili ed encomiabili Blak Devils, tutti gli spettatori hanno assecondato con intenso calore gli sforzi dei propri giocatori in campo. Tale stretto legame tra squadra e pubblico si rivelerà essenziale nelle partite della 2^ fase.

Dagli altri campi Scafati conferma di essere squadra non avvezza a saper tenere un rendimento costante ed adeguato a quello che è il suo potenziale. Che secondo me è molto alto e sicuramente sarà espresso al massimo nelle decisive partite di 2^ fase. Sarno continua a pendolare tra la 2^ e 4^ posizione in classifica. Bisognerebbe avere poteri di  vaticinio per dire se alla fine riuscirà ad occupare la 3^ posizione.

Le vittorie di Nardò, Agropoli e Cerignola al momento sembrano aver valore solo per continuare a tenere sotto pressione le squadre che le precedono in classifica.

Ora tuffiamoci nella Coppa Italia in programma nella vivace Rimini.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, cliccando qualsiasi link all'interno del sito o semplicemente scrollando la pagina accetti il servizio e l'utilizzo dei cookie.