Voci dal campionato... 4a puntata

Per quanto c’è stato dato di vedere finora credo siano abbastanza delineati i valori delle partecipanti al girone H della serie C, e, quindi, si possa ipotizzare una classifica finale per le prime tre posizioni. Direi: San Severo-Ostuni-Scafati oppure San Severo-Scafati-Ostuni, o San Severo…, ma sempre prima San Severo. Con possibili autsider: Cerignola-Trani-Sarno, atteso il letargo in cui è caduto il Nardò. 

I neri, in verità, mostrano di essere ben oltre una spanna  superiori ai concorrenti. Per valore dei singoli e per la netta prevalenza dl gioco che esprimono. Solo qualche difficoltà, nell’affrontare lo Scafati, quando si è schierato a zona. Ma coach Coen saprà certamente registrare questo aspetto tattico. E’ anche questione di mentalità, considerata l’abbondanza di buoni tiratori  che ci sono in squadra.

Resta un mistero il perché Scafati non abbia schierato dall’inizio della gara il pivot  Malachi Wynn, certamente il giocatore più efficace su cui possa contare. Infatti a poco più di 1′ dalla fine del 1° quarto Scafati aveva realizzato la miseria di solo 4 punti, perdendolo alla fine di ben 17. E questo è stato, poi, l’unico quarto vinto dal San Severo.

Dagli altri campi voci non sorprendenti parlano di livellamento verso il basso, rispetto alle capacità dei neri. Questo dislivello così accentuato di forze in campo può divenire una trappola per le squadre più blasonate, le quali debbono riuscire a mantenere la massima concentrazione in ogni circostanza per sopperire alle motivazioni che derivano, invece, dal dover incontrare avversarie di pari valore.

Domenica a Sarno le motivazioni debbono prendere abbrivo dalla storia cestistica sanseverese. Con questa squadra ci si è confrontati tante volte e spesso in partite determinanti.

Personalmente su quel campo ho perso una partita decisiva per una promozione, sarebbe stata la mia decima in carriera. Come? Eravamo riusciti a condurre fino a  3” dal termine di due punti. Sospensione, un cambio e rimessa da centro campo a loro favore. Il Sarno fa entrare per la prima volta in quella partita un ragazzino, forse 14/15 anni. Ci impegniamo  a difendere forte sulle varie linee di passaggio privilegiando di far ricevere il passaggio all’ ultimo entrato. Quel ragazzino che fa. Da centro campo, appena ricevuta la palla, fa partire un tiro che spegne le nostre speranze di vittoria. Il mio record resta a 9 promozioni. Viva il BASKET!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, cliccando qualsiasi link all'interno del sito o semplicemente scrollando la pagina accetti il servizio e l'utilizzo dei cookie.