Logo Adecco LNP1GIRONE A

Andava in scena in questo turno la sfida ad alta quota, tra Omegna e Moncalieri, con i padroni di casa che, trascinati da Gasparin (23pt), tornano alla vittoria, dopo tre stop consecutivi, bissando il risultato della gara d’andata e si riportano in vetta, a pari punti con la PMS, ma con un netto 2-0 negli scontri diretti.

Non riesce a Piombino l’impresa ad Empoli, dove la terza forza del campionato si impone in una gara molto equilibrata. Piombino, con Iardella (24pt) sugli scudi, lotta fino alla fine, ma non basta: Empoli ha dalla sua Bei (26pt) che trascina i suoi alla nona vittoria casalinga e terza posizione, in solitaria, confermata.

Una buonissima Fiorentina, grazie al ritrovato Poltronieri (26pt), vince contro una fin troppo modesta Domodossola, che adesso si ritrova in ultima posizione. Certo: non c’è da star tranquilli in casa viola, visto il recente passato, in un periodo, questo, che l’ha vista assoluta protagonista, in negativo. Bisogna dar continuità, anche perché la terza piazza è alla portata.

Che bel momento sta passando Varese! Allunga a 5 la striscia di risultati utili ed anche la buonissima Bottegone, al secondo stop consecutivo, deve arrendersi. E così rilancia la corsa alle ultime posizioni utili per i play-off. Le avversarie sono avvisate.

La bagarre nella zona play-out e retrocessione è ufficialmente riaccesa: Siena infatti vince lo scontro diretto contro la Sangiorgese, agganciandola in classifica e vantando, adesso, del doppio confronto a favore.

Dopo ben nove sconfitte consecutive, anche Cecina riesce a muovere nuovamente la classifica, battendo una Montecatini apparsa alquanto sorpresa dalla buona prestazione degli avversari.

Con la quarta vittoria nelle ultime cinque uscite, Firenze ha riaperto tutto con la netta vittoria su Oleggio. La lotta per l’ultima posizione, che fino a Dicembre sembrava un’utopia, adesso è realtà: agganciate infatti Domodossola e la stessa Oleggio. Ed ora si punta ad alzare l’asticella, magari cercando una miglior posizione play-out.

GIRONE B

Orzinuovi ipoteca il primo posto in classifica grazie ad una super vittoria contro Bergamo in un meraviglioso match, condotto nettamente dall’inizio alla fine. È sembrato troppo netto il divario tra le due compagini, con un +20 finale che ribalta anche il risultato dell’andata.

Piacenza così ne approfitta e, vincendo sul campo di Reggio Emilia, riduce a 2 sole lunghezze il ritardo dai bergamaschi, tornando quindi in corsa per il secondo posto. Una Reggio che ha provato a fare il possibile, con Chiappelli (ancora in doppia-doppia) e Pugi (20pt) in gran spolvero, ma la voglia di vincere e la profondità dei piacentini è tale che mantengono un importante vantaggio fino a fine gara.

Tutto troppo facile per Cento, in casa del fanalino di coda Iseo, vittoria che le permette di mantenere un importante vantaggio sulle due inseguitrici, quali Faenza e Lecco.

I primi hanno travolto Crema, facendo un passo decisivo per la lotta play-off (Crema, infatti, è adesso ottava, a 6 lunghezze di ritardo).

Lecco invece deve faticare, e tanto, per aver la meglio contro una San Vendemiano inviperita. I veneti, infatti, in chiusura del terzo quarto, erano addirittura in vantaggio. Ma un’ottima ultima frazione, regala un successo fondamentale in termini di classifica, mentre per gli ospiti la situazione resta ancora troppo complicata (penultima posizione).

Trascinata da un super Centanni (30pt), la Costa Volpino piazza una vittoria assurda a Desio, che si ferma a 3 vittorie consecutive. E pensare che dopo 30’, il vantaggio per i brianzoli era nettamente oltre la doppia cifra. Ma una frazione pazzesca degli ospiti (9-24), riportano il punteggio in parità e la partita al supplementare, dove non c’è storia. Vittoria che le permette di lasciare il gruppo di coda, in penultima posizione.

Ma la vittoria più importante, in chiave salvezza, la piazza Sestu contro l’Urania Milano, trascinata ancora una volta dall’ultimo arrivato Samoggia (un innesto che in tempi non sospetti annunciavamo come lussuoso), autore di 25pt e 9r. Una vittoria che rilancia i sardi in classifica (ora son penultimi).

GIRONE C

Ed anche Napoli inciampa contro Cefalù. I siciliani si vestono, in questo Carnevale, da ammazza grandi, e la parte sta riuscendo benissimo: battuta Forlì, Valmontone ed ora anche l’ex capolista solitaria Napoli, reduce da un filotto di 7 vittorie consecutive, con un super Mollura (25pt).

Ne approfitta così Valmontone, che torna in prima posizione grazie ad una vittoria decisamente agevole in quel di Maddaloni, con un attacco che ha girato a meraviglia: ben 9 uomini a referto, 5 in doppia cifra, e percentuali in area ben oltre il 70%.

Palestrina segue a ruota il duo di testa, con una vittoria netta e convincente: al PalaIaia infatti, Patti è surclassata e viene così dimenticato il dolente stop nel precedente turno in quel di Scauri che, con un risultato diverso, avrebbe detto oggi primato in classifica. Ma con il prossimo turno, la formazione prenestina potrebbe mescolare nuovamente tutto: si va a Napoli.

Il colpaccio della settimana arriva a Roma, sponda Vis Nova, che riesce a sgambettare la forte Cassino in un match cominciato tra le polemiche ospiti per una tardiva disponibilità del campo, causa partita di volley femminile. Con tale vittoria, i capitolini provano ad uscire dalla zona play-out. Dall’altra parte, invece, Cassino dovrà accontentarsi di lottare con Barcellona (a pari punti nuovamente, grazie alla strepitosa vittoria interna contro Forlì), fino alla fine, per la quarta posizione.

Catanzaro ne vince un’altra (sesta vittoria consecutiva), grazie anche ad un turno agevole contro la Stella Azzurra Roma che non sa più vincere, mentre Scauri, trascinata da un “illegale” Boffelli (33pt con oltre il 60% dal campo), vince, dopo un supplementare, la sfida contro una buonissima LUISS (diretta avversaria nella lotta play-off), che ha sofferto eccessivamente sotto le plance (si presentava a tale importante incontro priva del centro titolare Ramenghi).

Sei squadre per le ultime tre posizioni play-off, racchiuse in 2 soli punti. Ci sarà lotta vera, ad ogni turno, perché nessuna vuole e può ormai sbagliare.

GIRONE D

Dopo il pessimo scivolone infrasettimanale in quel di Matera, nel recupero della quindicesima giornata, interrompendo così a 18 la serie di vittorie consecutive, Montegranaro riprende immediatamente a vincere, in maniera poderosa, infliggendo ad una misera Taranto un pesante passivo (trentello con poco più di 40 punti segnati dagli ospiti).

Bisceglie si riprende immediatamente dalla cocente sconfitta, ai supplementari, contro Pescara, vincendo un match che, sulla carta, doveva essere meno semplice di quanto visto poi in campo. Porto Sant’Elpidio infatti, ha risentito evidentemente troppo l’assenza del proprio playmaker, subendo una sconfitta netta.

Seguono a 2 sole lunghezze San Severo e Pescara. I “Neri” hanno letteralmente surclassato Giulianova, con un risultato in bilico solo nel primo quarto. La netta differenza si è evidenziata immediatamente, grazie ad un attacco irresistibile ed una difesa rocciosa, che lascia solo le briciole agli avversari. Da annotare le buonissime prestazioni di due giocatori, quali Fabi e Quarisa, che non attraversavano il loro miglior momento, e che provano a dare così una scossa al proprio campionato. Per Giulianova, invece, la situazione tende a complicarsi ed ora, son costretti a vincere i prossimi 3 incontri (contro altrettante dirette avversarie per la salvezza).

Pescara invece incappa in una sanguinosa sconfitta nel derby ad Ortona. Seppur priva del forte esterno Di Donato, l’Amatori se l’è giocata fino all’ultimo possesso. Molto, evidentemente, ha pesato l’espulsione di Pepe che, su di un fischio arbitrale, perde la pazienza e viene allontanato anzitempo dal campo (fino a quel momento era a quota 29pt in soli 24 minuti!).

Matera è la squadra più imprevedibile del girone: in settimana ha stravinto, con un netto ventello, contro la capolista. Ma poi, contro una compagine sicuramente meno ambiziosa e strutturata qual è Isernia, perde dopo un overtime, con i due play molisani, Smorra e Norcino a trascinare i propri in questa vittoria quasi insperata, grazie agli oltre 50 punti in 2.

Vittoria che vale tanto visto che in fondo alla classifica si continua a star fermi. Infatti Valdiceppo perde ancora, questa volta in casa contro Senigallia (alla sua terza vittoria consecutiva, quinta nei 7 match di quest’anno ed ottavo posto solitario conquistato), restando in penultima posizione.

Monteroni, invece, perde pesantemente anche a Campli, restando ultima in solitaria, visto che Venafro ne vince un’altra, contro Rimini, grazie ancora ai due nuovi innesti (Liburdi 20pt e Migliori 23pt), salendo così in penultima posizione.

Mario Caposiena

Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo

rotice 300x100enoagrimm

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, cliccando qualsiasi link all'interno del sito o semplicemente scrollando la pagina accetti il servizio e l'utilizzo dei cookie.