Voci dai playoff... 6a puntata

Scelgo di stralciare buona parte dell’articolo che ho scritto per la rubrica “Riflessioni di cultura sportiva” che tengo settimanalmente sulla GAZZETTA DI SAN SEVERO che invito ad acquistare nella sua uscita di venerdì sera prossimo. Mi sembra davvero esaustivo per il commento da proporre ai lettori di “Voci… dal campionato”.

URRA’

…gli avvenimenti mi impongono di volgere lo sguardo…altrove… verso Campli, città che ha ospitato l’ultimo atto del campionato che ha visto protagonista la squadra sanseverese di basket. Dico protagonista perché tale è stata davvero nel corso di tutto l’anno agonistico legittimando, con un autoritario 1° posto tenuto ininterrottamente sia nella regular seasonche nellafase finale,la promozione al campionato di serie B. E così San Severo torna in uno dei campionati italiani di vertice. Mi viene quasi da dire un rimpatrio nel giusto consesso che le compete. Un rientro non solo auspicato, ma necessario alla cultura sportiva cittadina. San Severo, si sa, vive in simbiosi con le vicende cestistiche oramai è mezzo secolo. Nella cronaca della Gazzetta del Mezzogiorno della partita giocata in terra abruzzese si legge di 500 persone che da San Severo hanno seguito la squadra. Il basket continua a fregiarsi della qualifica di fenomeno cittadino. La storia cominciò alla fine degli anni ’60. I mai dimenticati Enzino Cannelonga e Cosimo Morfeo, il sottoscritto e subito dopo il dott. Ciccillo Russi e Aldo Cristalli avviarono un’avventura, quella dellaCestistica,che certamente con un po’ di eccessiva presunzione amo dire: è una storia che non finirà mai. Questa storia stava per interrompersi l’altro anno per mano di figuri che, incuranti del diffuso sentimento popolare verso i colori giallo-neri, avevano portato alla deriva un’istituzione oramai simbolo nel tessuto sociale cittadino. Ma ancor prima che la storia volgesse tanto ignominiosamente al termine mi impegnai affinché ciò non accadesse. Con la stesura di un idoneo progetto e coadiuvato dal Club NERI PER SEMPRE (ex giocatori del periodo d’oro della Cestistica) coinvolgemmo l’opinione pubblica nel creare i presupposti per un immediato rilancio. Trovammo subito la disponibilità del prof. Pinuccio Catalano, già arbitro di basket ed ora brillante docente nell’Università romana. Il suo inserimento nel mondo imprenditoriale cittadino permise di sensibilizzare all’iniziativa i vari Vincenzo Chirò, Nicola Biscotti, Michele Gravina, Luigi Damone. Poi il progetto fu fatto proprio dall’ attuale Amministrazione Comunale che in una conferenza stampa presso la sala rossa di Palazzo di Città lo presentò alla cittadinanza.  Ma è stato, senza dubbio, grazie alla sensibilità dell’attuale presidente Amerigo Ciavarella e dei suoi collaboratori, dello sponsor Allianz della famiglia Pazienza, di Raffaele Mazzeo e degli altri imprenditori coinvolti che il progetto ha potuto godere di un’accelerazione non indifferente. Ora, grazie ai giocatori che qui tutti vanno ricordati: cap. De Fabritiis, Brunetti, Drca, Serroni, Cota, Romano, Ricci, Porfido, Filippini e Menzione ed al… manovratore coach Piero Coen che con la sua bravura ed esperienza ha condotto con perizia il tram giallo-nero al capolinea, il primo ambito obiettivo è stato conseguito. Ma già siamo al lavoro per raggiungere il 2° obiettivo del progetto: strutturare una Società che sia garanzia di continuità negli anni a venire. Che non affidi le sue sorti solo a temporanei entusiasmi o convenienze di carattere personalistico. Una Società che viva anche di partecipazione popolare, che riconosca il rilievo che  hanno gli abbonati, i tifosi, i fans. Senza tralasciare l’importanza del settore giovanile, negletto negli ultimi vent’anni, ed al quale la presenza quale responsabile negli ultimi mesi del NERO per Sempre Franco Crudele ha dato nuovo impulso, e che va ulteriormente rinvigorito. L’aspirazione massima è di rivedere di nuovo in campo tanti giocatori indigeni tenere alto il blasone cestistico sanseverese.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, cliccando qualsiasi link all'interno del sito o semplicemente scrollando la pagina accetti il servizio e l'utilizzo dei cookie.