Voci dai playoff... 5a puntata

Fino ad un attimo fa sono stato combattuto tra l’ascoltare la voce dell’anima che mi sussurrava di non scrivere nulla questa settimana, per dare la giusta enfasi alla concentrazione che il momento richiede. Oppure ubbidire alla voce pensante che mi mormora di non lasciare delusi i 250 lettori di questa rubrica. Alla fine ho dato la preferenza alla seconda opzione.  Ed eccomi qua non certo, però, per chiacchierare della partita con il Formia, né a parlarvi delle aspettative sulla prossima gara. Scelgo, se permettete, di farmi un po’ di…pubblicità. Forse non tutti siete a conoscenza del fatto che l’ultimo libro che ho scritto si intitola ‘ I SEGRETI DELL’ESSER COACH’. E’ in vendita in tutte le librerie online compresa AMAZON. Ed allora stralcio per voi l’introduzione agli argomenti che in esso ho trattati.

Premessa

Un rapido commento sul coaching

È il training che si occupa di rendimento atletico, di insegnamento tecnico, di esercitazioni, di pianificazione, controllo e valutazione dell’allenamento, di tattica e strategia.

Il coaching, invece, si interessa della preparazione attentiva ed emotiva, e della determinazione mentale dell’atleta.

Oggi esso viene largamente proposto e praticato in molti ambiti di attività ove il conseguimento di traguardi ragguardevoli è obiettivo prevalente. In special modo nel management e nel settore marketing. Ma il coaching, non a caso, nasce in ambito prettamente sportivo, con l’obiettivo di allenare la forza mentale dell’atleta. Infatti, le caratteristiche proprie della personalità dell’atleta che influenzano il rendimento sportivo devono essere adeguatamente stimolate perché le sue prestazioni possano esprimersi ad alto livello.

Parliamo di elevata motivazione al successo, incondizionata disponibilità al lavoro allenante, notevole capacità di resistenza allo sforzo psicofisico, fiducia in se stesso. Ma anche di capacità di apprendimento, di perseveranza e di spirito di squadra.

La differenza tra un atleta di successo e quello di rendimento sufficiente è, infatti, da individuare nel più vantaggioso approccio all’allenamento ed alla gara. Negli atleti di vertice il coaching consente di utilizzare le riserve nascoste dell’organismo e della mente, permettendo così di superare i normali limiti individuali di prestazione…

OK? A domenica.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando a navigare, cliccando qualsiasi link all'interno del sito o semplicemente scrollando la pagina accetti il servizio e l'utilizzo dei cookie.